Napoli Calcio: “Se ci saranno altri cori razzisti in campo abbandoneremo il campo di gioco”

Napoli Calcio: “Se ci saranno altri cori razzisti in campo abbandoneremo il campo di gioco”

Napoli Calcio: "Se ci saranno altri cori razzisti in campo abbandoneremo il campo di gioco"

(PRIMAPRESS) – NAPOLI – La società del Napoli Calcio con il suo presidente Aurelio De Laurentis, prendono le distanza dal parere del ministro degli Interni, Matteo Salvini, di non interrompere il match in caso di cori razzisti. I partenopei avvertono che in caso questi fatti dovessero ripetersi ci saranno azioni clamorose. Una netta presa di posizione che arriva dopo le numerose polemiche ma anche i distingui in seguito alla vicenda di Koulibaly – preso di mira durante la partita a San Siro lo scorso 26 dicembre. Il club azzurro conferma che ci sarà una linea dura, così come sostenuta da mister Ancelotti e appoggiata dal presidente De Laurentiis, attualmente negli Stati Uniti. In caso dunque di offese dagli spalti, se l’arbitro non dovesse interrompere la partita, sarebbero gli stessi giocatori partenopei a lasciare il campo. 
Ieri al Viminale, il governo ha incontrato la Figc e le organizzazioni dei tifosi.  “Ci sono 6mila teppisti, li sradicheremo”, è stata la promessa del ministro dell’Interno Salvini che però ha ribadito il suo ‘no’ allo stop delle gare. “È un tema molto scivoloso: rischiamo di mettere in mano a pochi il destino di tanti. Io preferisco prevenire e non lasciare potere di ricatto ad una frangia minoritaria”. Ma la replica arriva proprio dai dirigenti partenopei: “fermare la macchina dell’insulto ha costi alti ma bisogna affrontarli sul nascere”. – (PRIMAPRESS)

Fonte