Conto alla rovescia per una procedura d’infrazione all’Italia per eccessivo deficit

Conto alla rovescia per una procedura d’infrazione all’Italia per eccessivo deficit

Conto alla rovescia per una procedura d’infrazione all’Italia per eccessivo deficit

(PRIMAPRESS) – BRUXELLES – La riunione dei ministri in corso all’Eurogruppo conferma il via libera alle conclusioni sui piani di bilancio 2019, nelle quali appoggiano le opinioni della commissione ue, inclusa quella sulla manovra italiana. “Se non ci sono modifiche siamo pronti a procedere ai prossimi passi della procedura per deficit eccessivo”, ha ribadito il vicepresidente della Commissione europea, Valdis Dombrovskis ha comunque salutato positivamente i “segnali” che vengono dal governo italiano sulla volontà di modificare la manovra. Ed ha ammonito: la “strategia” espansiva di bilancio che il governo italiano ha adottato” con la manovra economica per il 2019 “non sembra funzionare ed è importante per l’economia italiana che questa strategia venga corretta”.  Per evitare una procedura per deficit eccessivo legata al debito l’Italia deve realizzare “un piccolo sforzo strutturale positivo, invece del deterioramento strutturale sostanziale come è ora” sottolinea Dombrovskis. E spiega che sono in corso contatti “intensi” con le autorità italiane e che nel pomeriggio incontrerà il ministro dell’Economia, Giovanni Tria. “Quello che è positivo è che il tono della discussione è cambiato e che le autorità italiane segnalano che sono pronti a fare aggiustamenti” alla manovra, ha detto Dombrovskis.  Tria: “Italia saldamente ancorata ad area euro” “L’Italia intende intraprendere un percorso che consenta al Paese di rafforzare la propria posizione nel continente e nel Mediterraneo nell’ottica di continuare a ricoprire un ruolo di partner strategico all’interno dell’alleanza transatlantica, rimanendo saldamente ancorato al proprio storico collocamento nell’Unione europea e nell’area euro”. Così il ministro dell’Economia, Giovanni Tria, in un intervento scritto inviato ai partecipanti della Conferenza internazionale ‘US-Italy Dialogue. The economics of the bilateral relationship’, all’Istituto Aspen a Roma.  In quest’ottica – si legge nel testo del ministro – il governo ha declinato una serie di misure all’interno di una manovra moderatamente espansiva che che dovrà concorrere a creare le necessarie condizioni di stabilità e inclusione sociale, favorevoli allo sviluppo e agli investimenti sia italiani, che esteri”. “Nessun vertice di governo sulla manovra” Non sono in agenda vertici di governo sulla manovra nella giornata odierna. E’ quanto sostengono da fonti governative leghiste, secondo le quali nessun incontro era stato calendarizzato nei giorni scorsi anche per i pre-esistenti impegni del ministro dell’Economia Giovanni Tria e Matteo Salvini a Bruxelles (il primo per partecipare all’Eurogruppo, il secondo per la cena di gala annuale di ‘Politico.eu’). Intervistato da Rtl, stamane il vice premier leghista ha parlato della trattativa con l’Ue sulla manovra e degli obiettivi di rapporto deficit/Pil fissati dall’Ue per il 2019.  – (PRIMAPRESS)

Fonte